I MISTERI DELLA TRATTATIVA PRIVATA AEROPORTO CATULLO – SAVE

Da sempre Verona Pulita è attenta alle vicende dell’Aeroporto Catullo di Verona, convinti che lo sviluppo del sistema aeroportuale sia essenziale per lo sviluppo dell’economia veronese.
Per questo, in tempi non sospetti, siamo stati molto attenti ai disastri di gestione compiuti dall’attuale amministrazione dell’Aeroporto (“Aeroporto Catullo: i numeri della gestione Arena“), con i spaventosi risultati fatti sempre e solo di perdite milionarie nonostante i tagli spaventosi sul personale (passato da 410 a 175 dipendenti).
Per questo, abbiamo seguito da vicino la ricerca del partner privato, consapevoli che si tratti dell’unica possibilità per salvare il Catullo dal fallimento, ma anche consapevoli che ciò avrebbe dovuto avvenire attraverso una gara internazionale per scegliere, tra i molti concorrenti potenzialmente interessati, il più funzionale allo sviluppo del nostro sistema aeroportuale. Ciò lo scrivemmo in tempi non sospetti, un anno fa (“Lettera aperta ai soci degli aeroporti del Garda“), lieti che di recente si siano finalmente aggiunti nel dichiarare la necessità di una gara anche i deputati locali del PD.
La procedura ad evidenza pubblica per la cessione a soggetti privati di quote di capitale di società di gestione di aeroporti è prevista dalla legge (D.M. 521/1997).
Ciononostante l’attuale amministrazione del Catullo ha corso imperterrita con la trattiva privata con SAVE (società privata che gestisce gli aeroporti di Venezia e Treviso), giustificandola coi “tempi ristretti”. Giustificazione risibile, perchè in realtà la trattativa va avanti oramai da un anno (dall’assemblea dei soci del Catullo del 05.07.2013), tempo più che sufficiente per indire, svolgere e scegliere con bando internazionale un socio privato.
Insomma: la trattativa privata con SAVE è stata cercata e voluta, nonostante la legge.
C’è da chiedersi il perchè.
E domani Verona Pulita darà una chiave di lettura ai veronesi, compresi il Sindaco ed i 36 consiglieri del Consiglio Comunale che lunedì si troveranno a votare in seduta straordinaria la nascita della nuova società di gestione Aerogest con l’entrata del socio privato SAVE fino (per ora) al 45% delle quote.
Meglio sapere prima di votare. Ne va del nostro aeroporto e delle loro responsabilità.

Michele Croce

Print Friendly, PDF & Email

Michele Croce

Michele Croce
Presidente Verona Pulita - A maggio 2012 credo nel modello Tosi e sono eletto nella sua lista. Poi scopro che non è oro tutto ció che luccica... È l'ora di Verona Pulita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*