Blog

15 Gen
0

L’ARTICOLO DEL GIORNO – La video rassegna stampa di Michele Croce (15/01/2016)

“Ca del Bue: 30 anni persi, 250 milioni buttati. Chi insiste o é in malafede o é ignorante.”

Leggi
14 Gen
0

FILOBUS SI’, MA NON SULLE TASCHE DEI VERONESI

UFFICIO STAMPA

logo-vrp_web_200

VERONA PULITA

COMUNICATO STAMPA 14 GENNAIO 2016

Il Presidente di Verona Pulita, avv. Michele Croce, così interviene sul Filobus, a pochi giorni (lunedì 18 gennaio) dall’apertura dei cantieri a Verona.

 

Siamo favorevoli a qualsiasi opera pubblica utile, e quindi anche ad un mezzo di trasporto di massa ecologico quale dovrebbe essere il Filobus. Ciò purché sia economicamente sostenibile. Ma così, pare, non sarà. Stando almeno a quanto dichiarò, inascoltato, il direttore di ATV Stefano Zaninelli, l’azienda comunale che sarà chiamata a gestire il Filobus, lo scorso 1 ottobre 2014 al quotidiano L’Arena: Costi potenzialmente insostenibili. Sono ormai consolidati alcuni aspetti principali del progetto di notevole influenza propria sulla sostenibilità della gestione, potenzialmente in grado di rendere impraticabile la gestione stessa alle condizioni previste dalle convenzioni”.

Del resto, il Piano Economico Finanziario dell’opera è del 2010. Da allora sono cambiati i mezzi, il tracciato, i contributi, le imprese appaltatrici, ma di un nuovo Piano nemmeno l’ombra, nonostante mi risulta la stessa Giunta Comunale ne avesse richiesto l’adeguamento.

Il futuro gestore ATV dovrà pagare un canone di 2,75 milioni di euro l’anno ad AMT, ente appaltante per conto del Comune, che con quei soldi dovrà pagare il mutuo bancario di 40 anni acceso per pagare le imprese appaltatrici.

Ma se questi soldi non salteranno fuori dalla gestione, come disse il direttore di ATV, chi li tirerà fuori?

Ovviamente i cittadini, attraverso un Comune che potrebbe andare in dissesto finanziario.

Noi lanciamo l’allarme: filobus sì, ma solo se sostenibile. Altrimenti chi può e deve, intervenga. Subito.

Leggi
13 Gen
0

L’ARTICOLO DEL GIORNO – La video rassegna stampa di Michele Croce (13/01/2016)

“Il comune trema – Chi pagherà il costo insostenibile del Filobus?”

Leggi
12 Gen
0

IL MIRAGGIO SPENDING REVIEW A VERONA E IL DOPPIOPESISMO IN SALSA TOSIANA

UFFICIO STAMPA

logo-vrp_web_200

VERONA PULITA

COMUNICATO STAMPA 12 GENNAIO 2016

Apprendiamo dai giornali che in Consiglio Comunale si “proverà a tagliare sulle partecipate”, tema a noi caro come già scritto da tempo nel libro dell’avv. Michele Croce “La rivoluzione dei veronesi” (in vendita già nelle migliori librerie della città e dal 18 gennaio in tutte le edicole di Verona). Secondo i dati pubblicati sulla sezione amministrazione trasparente dei siti web delle aziende controllate e tratti dai bilanci approvati, ogni anno si risparmierebbero circa 3,5 milioni di euro l’anno, solo con i tagli dei Cda e dei direttori generali, con-direttori, vice-direttori (90 poltrone), sostituendoli con l’amministratore unico.

Purtroppo il Comune ha tagliato ben poco, se non niente, perché la “caregheta” porta soldi e futuri voti (dicesi clientelismo).

Unica voce fuori dal coro Antonio Pastorello “ … la misura ci vede totalmente favorevoli…”: siamo molto lieti che il Presidente della Giunta Provinciale condivida la nostra posizione, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare e noi lo attendiamo alla prova dei fatti. Non possiamo non registrare infine il doppiopesismo dei lista tosiani, che in consiglio provinciale surrogano il condannato Nicoli con un nuovo consigliere provinciale, mentre in consiglio comunale  glissano, spostano il consiglio a data da fissarsi, nella speranza che i giudici sospendano l’applicazione della legge Severino ed impediscano a Gaetano Iannuzzi – amico di Michele Croce e di Verona Pulita – di subentrare.

Forse la Provincia vale meno del Comune per Tosi e il suo gruppo?

Oppure in Comune Tosi non ha più i numeri per governare e Gaetano Iannuzzi è visto come la peste bubbonica, al di là delle frasi di circostanza?

Lo sapremo molto presto.

Leggi